Categorie sul BLOG

Apr
24

Problemi d'illuminazione nei settori retail, finanziari e ospedali

Le condizioni di luce variabili rappresentano una sfida costante in applicazioni di video sorveglianza come i centri commerciali, banche, istituzioni finanziarie e ambienti ospedalieri.

In genere, i negozi, le banche e gli ospedali comprendono una grande varietà di finestre. La luce risultante eccessiva può danneggiare la qualità dell'immagine video, inondando il piano d'immagine della telecamera di sorveglianza. Le differenze drammatiche tra aree chiare e scure complicano la capacità delle telecamere per riconoscere qualcuno che sta nell'ombra. In contrasto, la mancanza di finestre in ristoranti, ai bancomat e alle casse, con conseguente scarsa illuminazione, possono anche danneggiare la qualità dell'immagine video, nelle zone di sorveglianza critiche dove sono necessarie immagini chiare e dettagliate.

Forti contrasti tra i livelli di bianco e nero nelle immagini video possono obliterare volti e dettagli più fini di un soggetto quando sta in una zona più scura. In particolare, questo accade quando una persona è in un edificcio con illuminazione interna scura, con la schiena rivolta alle finestre.

Le telecamere di sorveglianza interne utilizzate per visualizzare l'attività outdoor devono affrontare sfide simili. Ad esempio, una telecamera montata all'interno di una banca non può fornire riprese utili dell'aperto, come automobili che passano o sportelli dei bancomat esterni.

Illuminazione problematica nel settore retail

Impatto negativo sulla efficacia della videosorveglianza

Queste sfide d'illuminazione incidono negativamente l'efficacia dei sistemi di videosorveglianza installati per tali applicazioni. I dettagli video persi sulle aree scure di un'immagine a causa delle variazioni d'illuminazione può impedire l'identificazione di un individuo sospetto, nel caso di una rapina, anche se il suo volto è visibile. Senza sistemi di videosorveglianza che possano funzionare anche con cambiamenti d'illuminazione, gli autori possono essere in bella vista ma non identificabili, permettendo loro di compromettere la sicurezza di un impianto senza essere incriminati. Immagini chiare sono vitali per un procedimento penale di successo o per aiutare a screditare persone in casi di lesioni personali o altre false dichiarazioni di responsabilità in tribunale.

Le sfide di illuminazione ambientale possono essere una vera spina per i system integrator e installatori. Visite ripetute di un impianto possono essere all'ordine del giorno, poiche il gestore del sistema di videosorveglianza non riesce ad ottenere immagini chiare con le telecamere installate.  Ogni visita, andata e ritorno, costa denaro, riducendo la redditività di un impianto. Il costo totale di proprietà (TCO) incrementa e alla fine diventa una responsabilità dell'installatore.

 

Basandosi su Auto-Iris o Auto-Tracing White Balance: limitazioni

I produttori hanno storicamente tentato di risolvere questi problemi d'illuminazione con un approccio di base: tramite auto-iris o ATW (Auto Tracing White Balance) o regolando la velocità a una lente più lenta.

Tuttavia, l'uso di un obbiettivo auto-iris in applicazioni difficili non può compensare le variazioni d'illuminazione, sia a causa delle limitazioni della technologia telecamera/obiettivo o per conto della variabilità delle condizioni di luce, che variano di giorno in giorno o anche ora per ora. Per esempio, se un impianto si affaccia verso est, il piano immagine può essere in piena luce tutta la mattina, ma in ombra per tutto il pomeriggio.

Regolare la velocità dell'obiettivo della telecamera può essere altretanto inefficace. Mentre alcuni produttori forniscono lenti più lente, altri prendono l'approccio opposto, con lenti più veloci (F-stop a partire da F1.0 o F0.9). Le lenti più rapide possono effettivamente limitare la capacità di una telecamera per compensare le variazioni di luce, dovute a carenze della tecnologia CCD o CMOS e la gamma dinamica della telecamera. Se aumentando l'F-stop a F1.2 o F1.4 aiuterà a controllare il livello di bianco, dall'altra parte non cambiera niente nelle parti scure - le parti scure dell'immagine potrebbero anche peggiorare.

Persino l'utilizzo della funzione auto-tracing WB su telecamere a colori, non può compensare le forti variazioni di illuminazione. Poiché questa funzionalità controlla la luce e regola il colore per mantenere chiare le aree bianche, si ottiene qualità costante solo nelle aree bianche.

Per concludere, le condizioni di luce variabili rapresentano seri problemi per una videosorveglianza efficace delle aree shopping, banche, istituzioni finanziarie e gli ambienti ospedaglieri. Pertanto, un'attenta considerazione deve essere data alla progettazione di un sistema di sorveglianza in grado di fornire riprese utilizzabili in ambienti dove l'illuminazione è un fattore variabile. I system integrator e gli installatori devono andare oltre l'approccio tradizionale di utilizzare telecamere con obiettivi auto-iris o telecamere auto-tracing white balance per superare queste sfide in modo da ottenere un sistema di videosorveglianza affidabile ed efficace.

Account