Categorie sul BLOG

Set
24

Capire la classificazione delle custodie - certificazione IP, NEMA e IK

IEC - Classificazione IP (Ingress Protection)I prodotti elettronici e i dispositivi meccanici che sono esposti a qualsiasi ambiente (interno o esterno) sono comunemente anche esposti a persone, sporcizia e umidità. Lo scopo della custodia di una telecamera, dell'armadietto o della copertura di qualsiasi prodotto elettrico/meccanico è la protezione dello stesso e anche l'abbellimento del prodotto. Il design della custodia, compresi i fori di sfiato e la collocazione delle viti e dei dispositivi di fissaggio, determina la quantità di protezione dei meccanismi interni del prodotto dall'ambiente circostante. Queste intrusioni vanno da sporco, polvere e insetti a getti d'acqua spruzzata, spray e dita curiose.

Il grado di protezione IP (ingress protection) è il termine standard industriale creato dalla Commissione elettrotecnica internazionale (IEC), ed è abbreviato IP (da non confondere con il protocollo Internet). La certificazione NEMA (National Electrical Manufacturers Association) è una valutazione altrettanto importante. Negli Stati Uniti di solito si vede un codice NEMA. Il codice IP è più comune sui dispositivi utilizzati a livello internazionale.

La classificazione di protezione d'ingresso è definita da un codice che consiste dalle lettere IP, alle quali vengono aggiunti due numeri. I numeri indicano che il prodotto è conforme con le condizioni prescritte nella tabella sottostante. Il primo numero indica il livello di protezione delle parti vitali e l’intrusione di oggetti solidi o polvere. Il secondo numero indica il livello di protezione dall’ingresso nocivo dell’acqua.

Protezione da oggetti solidi e polvere - PRIMO NUMERO IP
IP 1.# Protezione contro l'accesso a parti pericolose Protezione contro intrusione di elementi esterni
0 Senza protezione Senza protezione  
1 Contro parti del corpo grosse (palmo della mano) Elemento esterno grosso, diametro > 50 mm Protezione ingresso - IP1X
2 Protezione contro dita della mano Elemento esterno, diametro > 12,5 mm Protezione ingresso - IP2X
3 Attrezzi e cavi con diametro superiore a 2,5 mm Elemento esterno piccolo, diametro > 2,5 mm Protezione ingresso - IP3X
4 Attrezzi e cavi con diametro superiore a 1 mm Elemento esterno a forma di cono, diametro > 1 mm Protezione ingresso - IP4X
5 Protezione completa Deposito di polvere Protezione ingresso - IP5X
6 Protezione completa Ingresso di polvere

 

Protezione dall'acqua - SECONDO NUMERO IP
IP 2.# Dettagli
0 Nessuna protezione  
1 Goccie d'acqua in caduta verticale Protezione ingresso - IPX1
2 Goccie d'acqua in caduta verticale inclinata fino a 15º Protezione ingresso - IPX2
3 Spruzzi d'acqua inclinati fino a 60º rispetto alla verticale Protezione ingresso - IPX3
4 Spruzzi d'acqua da tutte le parti Protezione ingresso - IPX4
5 Getto d'acqua Protezione ingresso - IPX5
6 Forte getto d'acqua Protezione ingresso - IPX6
7 Immersione temporanea Protezione ingresso - IPX7
8 Immersione continua Protezione ingresso - IPX8

Se si guarda a una telecamera di sicurezza, si può vedere un rating NEMA o un grado di protezione IP, o entrambi - che può essere fonte di confusione. Semplicemente vedendo un numero di rating si può essere certi che a un certo punto del processo di progettazione, il prodotto è stato sottoposto a prova da parte di un'autorità terza che ha assegnato la certificazione. Se il numero di protezione d'ingresso IP o NEMA non è visualizzato sul prodotto, bisogna prendersi cura di dove collocare la telecamera poiché è probabile che sia sicura soltanto per l'uso in ambienti interni in una zona protetta (senza spruzzi d'acqua, senza sporcizia o polvere e senza molta umidità).

Classificazione NEMA per interni non pericolosi
Fornire un grado di protezione contro le seguenti condizioni ambientali 1 2 4 4X 5 6 6P 12 12K 13
Accesso alle parti pericolose X X X X X X X X X X
Caduta di sporco X X X X X X X X X X
Ingresso d'acqua in caduta e spruzzi leggeri   X X X X X X X X X
Polvere circolante, pelluchi, fibre e oggetti volanti     X X   X X X X X
Polvere assestante, pelluchi, fibre e oggetti volanti     X X X X X X X X
Spruzzi d'acqua e inaffiamento     X X   X X      
Infiltrazioni di olio e liquido di raffreddamento               X X X
Schizzi e spruzzi di olio e liquido di raffreddamento                   X
Agenti corrosivi       X     X      
Immersione temporanea occasionale           X X      
Immersione prolungata occasionale             X      

 

Classificazione NEMA per esterni non pericolosi
Fornire un grado di protezione contro le seguenti condizioni ambientali 3 3X 3R 3RX 3S 3SX 4 4X 6 6P
Accesso alle parti pericolose X X X X X X X X X X
Ingresso d'acqua (pioggia, neve, grandine) X X X X X X X X X X
Grandine         X X        
Polvere e oggetti portati dal vento X X     X X X X X X
Ingresso d'acqua (dal tubo)             X X X X
Agenti corrosivi   X   X   X   X   X
Immersione temporanea occasionale                 X X
Immersione prolungata occasionale                   X

 

Classificazione NEMA e la corrispondente classificazione IP
NEMA IEC IP (Ingress Protection)
1 IP20
2 IP21
3 IP54
3R IP24
3S IP54
4, 4X IP56
5 IP52
6, 6P IP67
12, 12K IP52
13  

Lo standard Europeo EN 62262 - l'equivalente dello standard internazionale IEC 62262:2002 – parla della certificazione dei prodotti con un indice IK. Questa è una classificazione numerica internazionale per il livello di protezione assicurato dalla custodia di prodotti elettrici (come la custodia per telecamere di videosorveglianza) dagli impatti meccanici esterni. La classificazione tramite i codici IK è stata originariamente definita nello standard Europeo BS EN 50102:1995 e poi aggiornata nel 1998 con un emendamento. Quando è diventato uno standard mondiale nel 2002, anche l’UE l’ha re matricolato sotto il numero EN 62262.

Prima dell’arrivo della classificazione IK, un terzo numero veniva di solito fornito insieme con il codice di protezione d’ingresso (IP), per indicare la protezione agli urti – ad esempio IP66(9). L’uso improprio di questo sistema di classificazione era uno dei fattori decisivi per lo sviluppo della certificazione IK, che usa un codice con due numeri, per distinguersi dall’vecchio sistema. Lo standard entro in effetto nel 1995 e gli standard nazionali in conflitto con esso dovettero essere prosciolti fino ad aprile 1997.

EN 62262 specifica il modo in cui gli involucri (custodie, armadietti, recinzioni…) devono essere montati per eseguire i test, le condizioni atmosferiche prevalenti, il numero d’impatti (5) e la loro distribuzione corretta e equa, le dimensioni, lo stile, il materiale, etc. del martello disegnato per produrre i livelli d’energia richiesti.

Codice IK per la protezione dagli impatti
IK 00 nessuna protezione  
IK 01 resistente agli impatti con una energia fino a 0,150 J IK 01
IK 02 resistente agli impatti con una energia fino a 0,200 J IK 02
IK 03 resistente agli impatti con una energia fino a 0,350 J IK 03
IK 04 resistente agli impatti con una energia fino a 0,500 J IK 04
IK 05 resistente agli impatti con una energia fino a 0,700 J IK 05
IK 06 resistente agli impatti con una energia fino a 1,00 J IK 06
IK 07 resistente agli impatti con una energia fino a 2,00 J IK 07
IK 08 resistente agli impatti con una energia fino a 5,00 J IK 08
IK 09 resistente agli impatti con una energia fino a 10,00 J IK 09
IK 10 resistente agli impatti con una energia fino a 20,00 J IK 10

Account